lunedì 4 gennaio 2010

Io sono un Pirlo

Il programma di oggi prevede partenza da Bari nel pomeriggio, una serie di controlli antiterrorismo che nemmeno se mi chiamassi Al-Gurradi, una sosta all'aeroporto di Linate che potrebbe essere prolungata anche per tre giorni visto che sta nevicando, con conseguente arrivo in Inghilterra rimandato a seconda dell'interstizio lombardo.

Poiché ho varie cose da fare invece di perdere tempo con voi, vi intrattengo facendovi leggere il parallelo fra me e Pirlo (il calciatore, non l'aperitivo) fatto sul suo blog da Francesco Savio: "Approfondendo la prosa di Gurrado in questi mesi ho avuto conferma della somiglianza fra lui e Pirlo, in particolare ho notato come certi periodi del Gurrado siano straordinariamente simili a quel modo tutto suo che ha Pirlo di proteggere il pallone, girando su sé stesso per 180 o 270 gradi, esasperando con la sua tecnica il rozzo centrocampista della squadra avversaria". Se volete leggere il resto del papiro potete leggerlo direttamente sul blog di Savio; il quale dopodomani 6 gennaio sarà ospite di Fahrenheit su Radio3 per presentare il suo romanzo Mio padre era bellissimo (Pequod Italic).

Nessun commento:

Posta un commento