venerdì 7 maggio 2010

Gli inglesi hanno sempre votato col sistema maggioritario uninominale: si divide la nazione in tanti collegi elettorali quanti sono i seggi a disposizione e in ciascun collegio il seggio viene assegnato al candidato che ha preso più voti. Ora sostengono che il sistema stia mostrando la corda e abbia favorito lo scandalo della corruzione parlamentare scoppiato lo scorso anno. Vorrebbero passare al sistema proporzionale e, dopo le elezioni, decidere che governo comporre in base alle coalizioni che si formano in parlamento: ad esempio un pentapartito con laburisti, liberaldemocratici, verdi, indipendentisti scozzesi e gallesi. Credono di aver trovato un metodo per eliminare burocrazia e corruzione e invece hanno solo scoperto con un po’ di ritardo la prima repubblica.

Nessun commento:

Posta un commento