giovedì 13 maggio 2010

La querelle fra Balotelli e Totti è stata brillantemente risolta (già lo scorso fine settimana, a dire il vero) da Federica Pellegrini. Con un autorevole intervento al Tg1 delle venti, la spalluta nuotatrice ha dichiarato sprezzante che cose del genere accadono solo nel mondo del calcio: nel mondo del nuoto, invece, non s’è mai visto – che so – Peter Van den Hoogenband che falcia Mark Spitz. Anche perché, insomma, il calcio invita di per sé alla violenza: ti passa davanti Balotelli, vuoi perdere l’occasione di prenderlo a pedatei? Se si giocasse a calcio come si nuota, ordinatamente divisi in ventidue corsie, a nessuno salterebbe in mente di saltare il cordolo per sgambettare un avversario, tentando di fargli perdere l’equilibrio in barba al principio di Archimede. E poi, ve lo immaginate uno che tira calci con tutta quell’acqua?

Nessun commento:

Posta un commento