martedì 9 novembre 2010

Gianfranco Fini, sono il fantasma di Vito Lattanzio e a Bari ero l'acerrimo rivale di Aldo Moro nonostante che a livello nazionale lo supportassi per conterraneità prima ancora che per comunanza di partito. Ci mancherebbe altro: tutti noi rimpiangiamo il suo stile come quello di Berlinguer, Almirante, La Malfa senior, Gava e Cirino Pomicino. Tu che insieme a Bossi sei l'ultimo leader traghettato dalla prima repubblica, hai mai visto un democristiano litigare col proprio presidente, portarsi dietro una pattuglia di deputati eletti sotto un altro simbolo e fondargli in faccia un partito diverso con lo stesso programma di governo ma con l'esplicito intento di pigliarlo a pesci in faccia? (Alla Democrazia Cristiana, per ovviare a questi istinti, avevamo delle correnti ma nessun programma di governo). Hai mai visto un Gronchi, un Ingrao, una Leonilde Iotti, un Brunetto Bucciarelli-Ducci andare dal più alto scranno di Montecitorio a Bastia Umbria per inveire contro il presidente del consiglio? Hai mai visto, che so, Flaminio Piccoli decidere di diventare leader del quarto partito diverso della sua vita perché aveva litigato con Andreotti o con Forlani?

[L'idea dei fantasmi che inveiscono contro il presente è tolta dall'ottimo Camillo Langone.]

Nessun commento:

Posta un commento