venerdì 19 novembre 2010

Guardate gli uccelli del cielo, guardate i gigli dei campi ma soprattutto guardate quelli che a vent’anni e senza lavoro, figli può darsi di casalinga e cassintegrato, scodellano un figlio (magari il secondo) senza pensare ai soldi, senza pensare alla carriera, senza trasformarsi in Woody Allen ogni volta che il marito o la moglie spreme il tubetto del dentifricio dal centro invece che dal fondo, senza preoccuparsi di non sapere dove saranno l’anno successivo, senza tanto meno angustiarsi se non vivono come minimo a Oxford o in altri posti cultural-trendy (“altrimenti cosa dirà la gente sapendo che vivo a Campobasso”) – e che pure sono felici. Io sono a favore della ripopolazione dell’Italia da parte degli italiani ma se i figli devono somigliare ai genitori forse è meglio se loro ne fanno tanti e io no.

Nessun commento:

Posta un commento