mercoledì 18 agosto 2010

Tomizzeide, lato A. Fulvio Tomizza, per chi voti? Per nessuno ormai, sei morto al morire del secolo. Io non andrò a cercare le tue impronte digitali sulle vecchie schede elettorali, potresti avere messo croci chissà dove e invece da La miglior vita ho ricavato due delle frasi più di destra che io abbia mai sentito (sottolineo: io, non Che Guevara). La prima è una verità verticale e definisce la storia: “È destino che la nostra vita impoverisca rispetto a quella del padre”. La seconda è orizzontale e racchiude l’eternità: “Ogni rapporto fra uomo e donna si chiama amore”.

Nessun commento:

Posta un commento