lunedì 28 febbraio 2011

Fratel paracetamolo, che stanotte mi hai steso dalle undici di sera alle nove del mattino, è colpa tua se ricevo sogni – o diciamo meglio visioni – così irreali? Stanotte sono stato visitato da Umberto Eco che intonava giulivo il gradevole motivetto fascista di E.A. Mario: “Chesta terra chiena ’e sole, / chiena ’e sciure ind’e giardine, / addo’ nasceno le viole, / addo’ è nato Mussoline…”. Solo che l’aveva rimodernato secundum mores, e cantava: “Chesta terra chiena ’e sole, / chiena ’e sciure sui balcone, / addo’ naceno le viole, / addo’ è nato Berluscone…”. Fratel paracetamolo, io mi sento come se avessi inghiottito un istrice e riesco a respirare solamente con le orecchie, ma se stasera ti prendo di nuovo stanotte mi fai sognare Umberto Eco che va a Gerusalemme e dice che Berlusconi è uguale a Hitler, dimenticandosi che adesso i baffetti li porta lui?

Nessun commento:

Posta un commento